A Cosa Serve L' Ipnosi

HomeA Cosa Serve L' Ipnosi

Competenze Relazionali

Ogni individuo possiede una propria competenza relazionale che gli permette, in base alle proprie esperienze di vita, di costruire relazioni significative con altre persone. Il tempo, le esperienze, le conoscenze apportano continue migliorie nel nostro personale metodo con cui costruiamo le nostre relazioni. il periodo della vita in cui maggiormente impostiamo la nostra modalità relazionale è il periodo adolescenziale durante il quale, attraverso il confronto e l’intelligenza ipotetico deduttiva, sviluppiamo le nostre competenze.
Heinz von Foerster

Ma non ci sono verità solo relazioni che si aprono al discorso dei principi etici ed estetici di Heinz von Foerster:

  • Principio etico: aumentare le possibilità di scelta
  • Principio estetico: se vuoi conoscere dei agire
Che Cosa È L'Ipnosi

Sia l’esperienza dell’ipnosi, sia ogni esperienza d’aiuto, professionale o occasionale che sia, si basa sullo sviluppo di una relazione significativa, apprendere questa competenza passa necessariamente attraverso lo stato mentale dell’apprendimento che equivale allo stato di trance o stato di ipnosi, in cui si abbassa la critica e si “regredisce” a quella fase della nostra vita in cui si è appreso e conosciuto, fase bambina per tutte le esperienze di intelligenza concreta, fare le cose “processo”, fase adolescente per le esperienze di intelligenza astratta, descrivere ed aver consapevolezza delle esperienze “forma”.

Tutta l’esperienza di relazione si sviluppa su questi due livelli, da un lato impariamo concretamente a comportarci, dall’altro lato ci rendiamo consapevoli di come ci comportiamo creando modi gentili, educati, forti, direttivi, dolci, amorevoli, imperiosi, despoti, lusinghieri, accettabili, sentiti, amabili, assertivi, opportuni, amichevoli, interessati, disinteressati, unici, pratici, diplomatici, falsi, autentici….. di relazionarci con gli altri.

L’ipnosi parte da queste competenze relazionali concrete, solo in parte conosciute, e si sviluppa, col procedere dell’esperienza formativa completa, fino a darci una competenza relazionale consapevole con cui interessarci agli altri.

L'Ipnosi Costruttivista oltre il fenomeno suggestivo: Metodo Autobiografico dal Sé profondo al Sé Core

In considerazione del fatto che coloro che usano un linguaggio raggiungono un grado elevato di compatibilità linguistica con membri del proprio gruppo, spesso si trovano a credere che le parole da loro usate, si riferiscono veramente ad oggetti del mondo reale, e che, di conseguenza,il linguaggio possa fornire una descrizione delle cose che vada oltre la sfera dell'esperienza individuale. Il ragionamento implicito che conduce a questa illusione, e qualcosa del tipo: se in molti facciamo riferimento alle stesse cose, di conseguenza le cose devono essere considerate reali. Ma tutto ciò trascura il modo in cui ogni utente del linguaggio costruisce significati, e che questi significati devono essere adattati all'uso che gli altri fanno delle parole , e, perciò modificati nella pratica della segmentazione e commento dell'esperienza.
Ernst von Glasersfeld. Radical Constructivism: A way of learning & knowing.

L'Esperienza Ipnotica

Ciò che rende unica ed irripetibile un esperienza ipnotica è l'intenzione, al di là di qualunque Tecnica o Metodo si usi è l'intenzione che ci orienta, ci rende efficaci, ci permette di portare tutto noi stessi nell'esperienza, durante un'induzione o una deduzione ipnotica sono momenti di occasionalità, ma quello che ci guida e per sempre la nostra intenzionalità.

Quello che andrò a dire rispetto all'ipnosi è il mio punto di vista, ho scelto fin dall'inizio di comprendere il fenomeno ipnotico su un modello di tipo scientifico, non perché altri modelli non siano altrettanto validi, ma perché la comunità scientifica è il gruppo persone più numeroso a condividere lo stesso ideale, e le stesse regole del gioco.

Ho iniziato la mia esperienza personale nel campo dell'ipnosi quasi per caso, mi è capitato durante una settimana formativa di fare una dimostrazione teorica su una ragazza, allieva del corso di formazione in cui io ero docente, conoscevo l'ipnosi ma ancora non l'avevo mai affrontato in modo diretto e rapido, in quell'occasione all'inizio della settimana mese questa ragazza in uno stato profondo di trans catalettica, ebbe un successo incredibile, si sparse la voce e mi trovai ad essere protagonista di un evento unico che sorprese probabilmente più me stesso che gli altri.

Insisto sulla intenzionale abilità che possediamo a lasciarsi guidare dal nostro desiderio e dalla nostra volontà nel raggiungere il traguardo, a livello inconscio tutta la nostra persona è orientata in questa direzione la cosa particolare è che si rimane e aggrediti, anche al di là della nostra coscienza, da questa profonda intenzione che portiamo in noi. Per questa ragione insisto col dire che l'intenzione che crea l'occasione che genera cambiamento in te come operatore, e nella persona con cui lavori.

I miei studi teorici, alla fine del percorso universitario, si sono basati su una tesi di laurea: "Sviluppi epistemologici della seconda cibernetica", un'esperienza dove ho capito che a guidare l'ipnosi, ed i risultati che otteniamo, non è il singolo individuo ma la relazione, è attraverso la relazione con l'altro che noi orientiamo le nostre intenzioni e apportiamo i cambiamenti utili all'esperienza ipnotica.

Lascio alcuni punti che fungono da base nel considerare l'epistemologia ed ontologia dell'ipnosi costruttivista, sono principi teorici che guidano alla comprensione dell'esperienza ipnotico costruttivista. Intendo con epistemologia lo studio critico della natura e dei limiti della conoscenza scientifica, con particolare riferimento alle strutture logiche e alla metodologia delle scienze; negli ultimi decenni, per influsso del corrispondente termine inglese, il vocabolo viene sempre più usato per designare la teoria generale della conoscenza, quindi, gnoseologia. Intendo con ontologia la dottrina filosofica relativa ai caratteri universali dell'ente, corrispondente alla 'prima filosofia' del più maturo Aristotele, detta poi 'metafisica': è tradizionalmente considerata il fondamento di ogni sistema oggettivistico, e posso aggiungere che nella filosofia analitica, ontologia è la teoria che stabilisce i criteri di esistenza di determinate entità a partire da un linguaggio formale. Come dice Bateson accesso e forma sono le due componenti di un evento, il processo è il divenire di un'azione, la forma è la descrizione cosciente dell'azione avuta. Noi viviamo in un processo, la vita, denotato da una forma, la storia che ci raccontiamo, Autobiografia, in cui noi sappiamo di avere una vita, processo, e viviamo attraverso una storia, la narrazione del processo vissuto. Alle volte capita che l'Autobiografia, costruita attraverso memoria e linguaggio, la forma che diamo della nostra vita, guidi il processo stesso del vivere, come dice George Kelly: "noi siamo psicologicamente canalizzati dal modo in cui anticipiamo gli eventi" siamo I migliori i profeti di noi stessi.

Il costruttivismo di principio sostiene che la realtà non è una scoperta, bensì è una costruzione, il nostro cervello è un perfetto emulatore di realtà, una realtà in cui noi ci troviamo a vivere e che consideriamo vera. Mi è stato semplice dal costruttivismo passare all'ipnosi, è stato il lavoro di Albert Ellis che ha definito il primo passaggio sulle credenze e convinzioni che determinano parte dell'identità individuale, partendo dalla visione gerarchica dell'identità per Gregory Bateson, semplicemente possediamo l'identità del fare e dell'essere, l'identità del sale è costituita dalle azioni, dai comportamenti, dalle strategie. Nella gerarchia a guidare le nostre azioni, comportamenti e strategie, e l'identità dell'essere, convinzioni,credenze, valori, missione, questi ingredienti che motivano e guidano il nostro agire.

I costrutti personali definiti come correlati del pensiero di George Kelly nella sua opera: «L'uomo ricercatore», sono alla base del mio concetto di Ipnosi Costruttivista, si collegano al lavoro Albert Ellis che fondò la terapia razionale emotiva (RET), che successivamente divenne terapia comportamentale razionale-emotiva (rational-emotive behavior therapy/REBT), perché lavora sull'interazione reciproca tra cognizioni, emozioni e comportamento.

Gli assunti principali della REBT si possono sintetizzare nei seguenti punti:

  • * un modo di pensare illogico, distorto, irrazionale genera problemi emotivi e comportamentali;
  • * i problemi emotivi e comportamentali possono essere superati sostituendo i pensieri irrazionali con pensieri razionali.

Albert Ellis, ha ideato uno schema che permette di individuare le idee irrazionali da cui deriva la sofferenza. Lo schema da lui proposto si chiama ABC ed è così suddiviso:

  • A. (Adversities e Activating Experiences, avversità ed esperienze attivanti): tutto ciò che interagisce (negativamente o meno) con il raggiungimento dei nostri obiettivi. Per esempio: essere lasciati dal partner, essere licenziati, farsi male ecc.
  • B. (Beliefs, credenze o critical beliefs): le idee che le persone sviluppano rispetto alla situazione che si è verificata e possono essere:
    • Razionali: di solito soluzioni che si riassumono in preferenze e desideri che gli A non avvengano. Per esempio: "se ci tengo a questa relazione, occorre modificare alcuni comportamenti"; "sarebbe opportuno non essere licenziati e anche se avvenisse sono in grado di individuare delle soluzioni", "dovrei curare maggiormente la mia salute".
    • Irrazionali: sono pretese che gli A non debbano assolutamente accadere. Per esempio: "nessuno può permettersi di lasciarmi, se il mio compagno/a lo facesse significa che è una brutta persona", "non devo essere licenziato e, se accadesse, significa che sono una persona che non vale nulla", "Mi piace fumare, quindi per me è intollerabile per me smettere di farlo".
  • A. (Beliefs, credenze o critical beliefs): le idee che le persone sviluppano rispetto alla situazione che si è verificata e possono essere:
    • Sane: si tratta di comportamenti e di emozioni che derivano da B razionali. Per esempio: "se la mia relazione è finita significa che non eravamo compatibili, quindi trovo qualcosa di diverso per me"; "mi spiace essere stato licenziato, mi adopero a cercare altro", "dovrò curare meglio il mio stile di vita per migliorare la mia salute".
    • Patologiche: sono comportamenti e sentimenti che derivano da B irrazionali. Per esempio: "sono stato lasciato, la deve pagare!"; "sono stato licenziato quindi sono una nullità", "fumo e non posso farci nulla".

Bateson nelle sue considerazioni sull'identità umana vi considera il concetto di mente in modo complesso, come somma di parti che compongono l'individuo, io le semplifico in tre parti Psico Bío Emotive, ogni persona possiede un corpo, un cervello biologico, un cervello emotivo, coscienza centrale Core, un cervello cognitivo, un Sé autobiografico. Bateson precisa sei criteri del concetto di mente:

  • (a) «Una mente è un aggregato di parti o componenti interagenti»;
  • (b) «L'interazione tra le parti della mente è attivata dalla differenza»;
  • (c)«Il processo mentale richiede una energia collaterale»;
  • (d) «Il processo mentale richiede catene di determinazione circolari (o più complesse)»;
  • (e) «Nel processo mentale gli effetti della differenza devono essere considerati come trasformati (cioè versioni codificate) della differenza che li ha preceduti»;
  • (f) «La descrizione e classificazione di questi processi di trasformazione rivelano una gerarchia di tipi logici immanenti ai fenomeni».

Bateson afferma che qualunque sistema che soddisfi tutti i criteri di mente è intrinsecamente epistemologico. E' in tal senso che Bateson sostiene che la Creatura, il mondo del vivente, costituisce una mente coerente e organizzata che elabora le informazioni, la totalità della Creatura (l'ecologia planetaria) e ciascuna delle sue componenti (organismo individuale, sistemi interattivi, ecosistemi, etc.) sono dotati di processi mentali. La Creatura, in tutte le sue manifestazioni, è mente. Perciò Bateson insiste sul fatto che la caratteristica fondamentale dei sistemi viventi è che essi possiedono la capacità di conoscere, pensare e decidere. Convinto che il mondo della Creatura sia intrinsecamente epistemologico, Bateson dà la sua unica possibile risposta ad un quesito filosofico fondamentale affermando che il conoscere di ogni singolo organismo è «una piccola parte di un più ampio conoscere integrato che tiene unita l'intera biosfera o creazione». Quindi, per Bateson biologia ed ecologia sono epistemologia; tutto ciò che vive è, nella sua essenza, mentale ed epistemologico.

Bateson asserisce che la struttura del carattere dovrebbe essere intesa come «un insieme di ipotesi o premesse abituali e, in particolare, che essa è «una trama di premesse epistemologiche e ontologiche» che determina il modo in cui una persona comprende il mondo circostante e si mette in relazione con esso:

«Nella storia naturale dell'essere umano, ontologia ed epistemologia non possono essere separate. Le sue convinzioni (di solito inconsce) sul mondo che lo circonda (cioè, le sue premesse ontologiche) determineranno il suo modo di vederlo (cioè, le sue premesse epistemologiche) e di agirvi, e questo suo modo di percepire e di agire (cioè le sue premesse epistemologiche) determinerà le sue convinzioni sulla natura del mondo (cioè, le sue premesse ontologiche). L'uomo vivente è quindi imprigionato in una trama di premesse epistemologiche e ontologiche. E' scomodo far sempre riferimento all'epistemologia e all'ontologia insieme, e d'altronde è errato pensare che esse si possano separare nell'ambito della storia naturale… Pertanto impiegherò il termine unico «epistemologia» per designare entrambi gli aspetti della trama di premesse che reggono l'adattamento (e il disadattamento) all'ambiente umano e fisico»
Gregory Bateson

Intelligenza e coscienza sono due esperienze indissociabili, uniche, unite dall'esperienza dello stato mentale, un equilibrio tra percezioni, sensazioni, emozioni e pensieri, intelligenza ci permette di anticipare gli eventi, la coscienza e alla base di qualunque processo di conoscenza e di apprendimento, coscienza e intelligenza sono alla base dei processo Ipnotico.

Ipnosi Come tecniche ed Ipnosi Costruttivista come Metodo

Ogni esperienza ipnotica e creata da una relazione, le esperienze noti che sono induttive ho deduttive, entrambi sono parte di una danza che crea uno stato ipnotico, la punteggiatura che viene data nel considerare un individuo come nordista e l'altro come ipnotizzato, è arbitraria, qualunque punteggiatura, come distinzione, genera contenuti e contesti differenti, ogni contenuto è comprensibile solo se si comprende il contesto, il contesto dell'esperienza ipnotica e nella relazione non è singoli individui, per questa ragione ogni esperienza ipnotica a momenti in cui induciamo, e momenti in cui deduciamo l'esperienza.

Dr. Marzaduri Marco Roberto Maria

Psychologist & Specialist in Hypnotherapy and Counseling
Affiliate of Malta Chamber of Psychologist
Registrazione VAT No. 2430-5614